maggio 25, 2019

Olbia

By on agosto 23, 2018 0 368 Views

Olbia, città della Sardegna e capoluogo della provincia Olbia – Tempio, sorge in un golfo naturale incastonato da due isole: Tavolara e Molara. Saltano subito all’occhio, approdando nel golfo di Olbia, le tipiche coltivazioni di cozze, per cui Olbia è rinomata in tutta Italia; al centro del golfo invece, si trova la stazione marittima dell’Isola Bianca, e la città fa da sfondo a tutto questo.

Passeggiando per la città, s’incontra il centro storico da Corso Umberto, e percorrendolo si arriva sino alla Chiesa di San Pietro e Paolo: edificata nel XVIII secolo, è costruita in granito ed ha un imponente campanile ed una festosa cupola maiolicata. Continuando a camminare verso la via delle Terme, si raggiunge con pochi altri passi la Chiesa di San Simplicio: edificata a partire dalla seconda metà dell’ XI secolo, è costruita quasi interamente in blocchi di granito, ed è stata la cattedrale della città fino al XIX secolo. Adesso resta uno dei monumenti storici più importante della Sardegna, e al suo interno conserva ancora importanti resti di affreschi medievali.

Proseguendo la visita alla scoperta di Olbia, si arriva alla parte più moderna della città: dal lungomare alle sempre vive ed affollate strade della città si arriva al museo archeologico; sorge sull’isolotto di Peddone, e custodisce al suo interno i resti archeologici olbiesi, ed i relitti delle navi medievali affondate. Nella periferia Nord della città invece, meritano di essere visitati l’ acquedotto e la cisterna romani a “Sa Rugghittola”, il pozzo sacro nuragico di Sa Testa e fortezza nuragica di Riu Mulinu o Cabu Abbas.

Impossibile non far tappa se non in tutte, ma alle principali spiagge della città, tra tutte ricordiamo: la Playa, il pellicano, la spiaggia di Bados, Cala banana,Cala Sassari, la spiaggia di Murta Maria e la spiaggia de li Cuncheddi.